Carlo Maietto con (da destra) S.E. Cardinale Francesco Coccopalmerio, il Vice Prefetto Aldo Aldi, Padre Vittorio Liberti, Mons. Luigi Capozzi.


ROMA - Sono stati consegnati nel pomeriggio di lunedì 24 ottobre presso la Camera dei Deputati, sala del Refettorio di palazzo San Macuto, i riconoscimenti della prima edizione del Premio Legalità, nell'ambito della manifestazione Turismo e strade della legalità organizzata dalla Fondazione Italiana per la Legalità e lo Sviluppo ...

Inoltre, per l'area "Cultura Cinema", un premio speciale è stato attribuito al maestro Carlo Lizzani e al produttore cinematografico Carlo Maietto per i film Storie di vita e malavita del 1975 e San Babila ore 20: un delitto inutile del 1976. Il premio è stato consegnato da Lino Banfi che ha ricordato che il primo produttore a credere in lui sia stato proprio Carlo Maietto che lo scelse come protagonista per il film Il brigadiere Pasquale Zagaria ama la mamma e la polizia nel 1973, dando inizio alla sua carriera di attore. Lizzani poi ha dichiarato in anteprima che lavorerà insieme a Banfi per un film di imminente produzione.

 Tratto da cultumedia.it

 "Tutti ricordiamo film come "San Babila ore 20" e "Storie di vita e malavita". Alte espressioni di pensiero del rispetto dell'uomo che hanno saputo ben denunciare la violenza politica e la prostituzione minorile. Idee tramutate in opere e in racconti delle nostra storia, da ricordare. Un coraggio culturale di un grande maestro di sempre e di un produttore cinematografico di alto spessore che con professionalità e coraggio hanno evidenziato "un fare impresa e cultura" sicuramente non comune ai tanti del giorno d'oggi": queste le motivazioni del riconoscimento per l'ultima delle categorie individuate per questa prima edizione del "Premio Legalità", l'area "Cultura Cinema" in cui si è dato solenne encomio al regista Carlo Lizzani e al produttore cinematografico Carlo Maietto.

Tratto da fondazionemilillo.eu